Le Rivoluzioni Solari sono un metodo classico previsionale basato sulla realtà astronomica del ritorno
annuale del sole nell’esatta posizione che esso occupava al momento della nascita, espresso in gradi minuti
secondi.

Le rivoluzioni si distinguono in rivoluzioni solari e rivoluzioni solari mirate. Francamente ritengo poco attendibili, per quel che ci riguarda le prime, sia per un discorso evolutivo della persona (Saturno serve), che per un discorso concettuale (nel senso che non è possibile evitare dei transiti sfavorevoli soggiornando solo qualche giorno in una determinata località, e il resto dell’anno vivendo in un’altra zona).  È chiaro che per una buona previsione bisogna considerare il luogo in cui l’individuo trascorrerà gran parte dell’anno.

Non è possibile interpretare la rivoluzione come un tema natale distaccato e a sè, ma bisogna sempre metterlo in correlazione al proprio tema natale, altrimenti diventerebbe un lavoro inutile.
Il calcolo della rivoluzione solare è abbastanza semplice, anche se oggi con l’avvento dei computer non si
utilizza più, soprattutto per questioni di tempo, ma gli oroscopi o le rivoluzioni fatte con penna e carta hanno sempre un grande fascino, e soprattutto un lavoro più accurato.

Quindi per calcolare la rivoluzione solare si prendono in esame la posizione del sole radix nel tema natale,
suddivisa in ore, minuti e secondi. Poi nel tema natale dobbiamo rilevare la posizione natale più vicina a quella di nascita e in questo modo con una sottrazione andiamo a ricavare il movimento giornaliero del sole.

 

Successivamente andiamo a calcolare la differenza fra il sole di nascita e la posizione in gradi minore al sole
natale, prendendo sempre in considerazione i dati riportati alla mezzanotte sulle effemeridi. Dopodichè si calcola la differenza oraria. È chiaro che parliamo di calcoli in valori sessagesimali, e in particolare quest’ultima differenza oraria bisogna trasformare i valori orari con i valori decimali. Infine effettuando quest’ultimo calcolo otterremo l’orario per calcolare la nostra rivoluzione solare, suddiviso in ore, minuti e secondi corrispondente all’ora di Greenwich. Quest’ultimo orario segna il momento esatto del ritorno solare nella sua posizione natale.

 

Si ricorda inoltre che tra un compleanno e l’altro l’ora di rivoluzione può variare di uno spazio di tempo fino a 24 ore. Questo può dipendere dall’orario di nascita dell’individuo (ad esempio è nato in tarda serata) oppure con gli anni bisestili dove una nascita esatta a mezzogiorno cambierà ogni quattro anni di rivoluzione.