“Nelle diagnosi psicologiche difficili faccio spesso fare un oroscopo per acquistare un altro nuovo punto di vista. In molti casi i dati astrologici contenevano una spiegazione per certi fatti che altrimenti non avrei capito. Da tali esperienze dedussi che l’astrologia è di particolare interesse per lo psicologo. Si basa su un fatto dell’esperienza psichica che chiamiamo “proiezioni”, cioè sono per così dire contenuti psichici che troviamo nelle costellazioni degli astri (…)” C. G.  Jung

In questa citazione tratta da una lettera che Jung ha inviato alla dottoressa Dott.ssa Aniela Jaffé possiamo individuare come l’astrologia ormai da anni non abbia solo un valore predittivo, nel senso più popolare del termine, bensì un valore che va oltre quell’aspetto meramente esoterico – come siamo abituati spesso a pensare- e che mira alla comprensione dell’animo umano, analizzando quegli aspetti  caratterologici importanti che definiscono la crescita e lo sviluppo della personalità. Nasce così quella che viene definita “astrologia psicologica” o “evolutiva-umanistico- esistenziale.”

L’astrologia psicologica si sviluppa a partire dagli anni Trenta in un contesto storico e culturale che vede in Europa il diffondersi delle scienze umanistiche come la Psicologia e la Psicoanalisi; più specificamente essa nasce come conseguenza dell’incontro con la Psicologia del profondo (o Junghiana). Primo artefice di questo incontro è Dane Rudhyar astrologo e compositore francese, che ha dato origine anche alla moderna astrologia transpersonale.

Tuttavia, altri esponenti dell’astrologia psicologia sono Liz Green e Stephen Arroyo altamente rappresentativi di quell’astrologia psicologica che si rifà più specificamente al pensiero di Jung.

Liz Greene, inglese, è analista junghiana, ha conseguito il dottorato in psicologia, è diplomata alla Facoltà di Studi Astrologici del Kent (di cui è anche membro onorario) ed è fondatrice del Centre for Psychological Astrology di Londra, dove dirige il corso biennale di specializzazione in astrologia psicologica. Arroyo, statunitense, nasce come consulente psicologo, e solo in seguito (ma già all’inizio degli anni Settanta), grazie allo studio approfondito di Jung e delle opere di astrologi come Marc Edmund Jones, Charles E.O. Carter e Rudhyar, fa dell’astrologia una professione a tempo pieno.

Il ruolo e il compito dell’Astrologia Umanistica e Psicologica è quello di aiutare a comprendere come gli archetipi siano organizzati e agiscano nella psiche di ogni individuo, attraverso il loro linguaggio simbolico. Attraverso l’analisi del tema natale si ottiene un profilo psicologico estremamente preciso che consente di comprendere il progetto individuale, le energie in gioco, le forze che agiscono e collaborano e quelle che invece sembrano ostacolare il cammino verso la consapevolezza e la realizzazione, almeno finche’ non verranno  contattate e  portate alla luce.

Il tema natale personale è a tutti gli effetti in grado di definire quelle strutture psichiche che andranno a determinare il percorso evolutivo di ciascun individuo. Un buon astrologo umanista è pertanto in grado di interpretare i simboli e gli archetipici presenti nel tema natale individuale e di accompagnare e comprendere le dinamiche presenti nella propria psiche e in quale momento della vita queste si attiveranno per essere affrontate e risolte.

In questa prospettiva, quindi, l’astrologia psicologica si pone come ulteriore strumento per indagare quegli aspetti psicologici che già le scienze umanistiche da secoli cercano di studiare per comprendere lo sviluppo dell’uomo e guidarlo verso la sua evoluzione.

In questo articolo ho cercato di iniziare un discorso sull’astrologia psicologica facendo una piccola sintesi su quelli che sono i concetti basici e fondamentali di essa. Altri articoli ed ulteriori approfondimenti saranno presto pubblicati in questo spazio che vuole essere un vero e proprio viaggio alla scoperta di una delle scienze più antiche e affascinanti come l’astrologia.